Un po di storia


  • Clicca di lato a sinistra su "Foto e descrizioni" per conoscere opere d'arte appartenenti all'Arciconfraternita del S.S. Sacramento. 



  • Alcuni brevi cenni di storia

 


Nel 1598 si costituì una confraternita denominata del S.S. Sacramento, retta da maestri laici e padri gesuiti;

Nel 1609 sorge un piccolo oratorio del S.S. Sacramento sul suolo dell'Università di Napoli;

Nel 1751 la Confraternita fu chiusa con Real dispaccio del Re Ferdinando IV.
La causa della chiusura furono alcune incomprensioni tra il Re e i Padri Gesuiti;

Nel 1777, la Confraternita fu rifondata "con nuove regole" le quali ebbero il Real assenso da parte del Re dell'epoca, successivamente la Confraternita fu dichiarata Real Arciconfraternita dalla Curia di Napoli, e svolse la sua opera nel casale di Piscinola, con i privilegi della corona reale;

Nel 1950 i solerti amministratori del tempo, nell'ambito delle attività della Arciconfraternita, idearono di costruire nel cimitero di Miano una cappella funeraria.

La principale forma di finanziamento per l'attuazione di questo progetto, fu la vendita dei loculi ai Confratelli;

Nel 1957 i lavori della cappella funeraria furono completati, ove tutt'ora sono custoditi i resti mortali dei nostri Confratelli e Consorelle.

Nel 1977 in occasione del 2° centenario della rifondazione della Arciconfraternita, furono fatti alcuni lavori di ristruturazione ed ampliamento sia della cappella funeraria di Miano sia alla cappella di Piscinola.
Ambedue le strutture oggi si presentano in buono stato di conservazione.