Ente di diritto ecclesiastico - Arciconfraternita del Sacramento
 

Chi siamo


L'Arciconfraternita del Sacramento in Piscinola, appartiene alla categoria degli Enti Ecclesiastici Cattolici (Legge 20/07/1985 n° 222) rifondata nell'anno 1777, regolarmente iscritta presso il tribunale di Napoli, oltre ad essere sotto sorveglianza della Curia Arcivescovile di Napoli.


  • Clikka sui titoli posti a sinistra per gli altri contenuti


 


 

Il S.S. SACRAMENTO

Il S.S. SACRAMENTO

Clikka sulle foto per ingrandire

Ente di culto (foto gentilmente donata da Salvator...

Ente di culto (foto gentilmente donata da Salvatore Fioretto)


sfondi papa giovanni paolo II - karol il grande.JP...
  • Giovanni Paolo II, un grande Papa, ma sopratutto un grande uomo!

    Non lo dimenticheremo mai piu.



    Clikka sulla foto per ingrandire
La Congrega di Piscinola

La Congrega di Piscinola

L'Arciconfraternita del Sacramento in Piscinola, oggi conta di 65 Confratelli e di 95 Consorelle, essa è rappresentata dal suo Governo con carica triennale, con rinomina previa elezioni dei Confratelli.

Il Governo è rappresentato dal Superiore, il I Assistente, il II Assistente, il Fiscale, il Tesoriere, ed il Segretario (questi ultimi due personaggi sono incaricati di redigere i bilanci annuali, e tenere sotto controllo le voci amministrative dell'Ente.

Tutti i componenti del Governo esercitano gli incarichi solo a scopo di volontariato, senza alcun compenso economico, ad eccezione dei rimborsi spese per acquisti di beni o servizi per il buon andamento dell'Ente.

Infine vi è il Padre spirituale, scelto dai Confratelli e Consorelle, con l'ausilio della Curia Arcivescovile di Napoli; Il Padre spirituale, dalla fondazione della 
Arciconfraternita, è stato sempre scelto nella chiesa parrocchiale del S.S. Salvatore di Piscinola. Attento a tutte le fasi religiose, celebra la S.S. Messa domenicale nella chiesa dell'Arciconfraternita di Piscinola
.

Gli introiti dell'Ente sono caratterizzati prevalentemente dalla gestione delle luci votive ed occasionali, dalle operazioni di interro, nella cappella funeraria sita nel cimitero di Miano (di proprietà dell'Arcoconfraternita, e fonti principali di sostentamento), e dalle offerte fatte dai Confratelli e Consorelle, nonchè dai fedeli.